Il Sannio e la Falanghina è Città del Vino, una sfida vinta

Le olimpiadi dei territori di vino! Il ‘Sannio Falanghina’ sarà la Città Europea del Vino 2019. L’ ufficializzazione oggi a Bruxelles nella sede del Parlamento europeo dove le cinque realtà territoriali, ovvero i comuni di Guardia Sanframondi (capofila), Castelvenere, Sant’Agata dei Goti, Solopaca e Torrecuso, tutti della provincia di Benevento, avevano avanzato la candidatura.


“E’ una data storica – commenta Floriano Panza, sindaco di Guardia Sanframondi – non solo per i cinque comuni ma per l’intero Sannio e la regione Campania. Le cinque realtà territoriali hanno infatti presentato un articolato dossier per vedersi riconoscere Città Europea del Vino 2019 da parte di Recevin, la rete europea delle Città del Vino, formata dalle associazioni nazionali presenti negli undici Paesi membri (Germania, Austria, Bulgaria, Slovenia, Spagna, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Portogallo e Serbia) per un totale di quasi 800 città di tutta Europa”.
Soddisfazione che viene condivisa tra tanti protagonisti che hanno sostenuto questo obiettivo, “La crescita del comparto vitivinicolo e con esso della gastronomia è un dato che conforta il nostro territorio e le nostre aziende – commenta Aurelio Grasso di Camera di Commercio di Benevento- ed ora inizia un programma di lavoro impegnativo e di pieno sostegno per tutti i soggetti coinvolti per rilanciare ulteriormente le nostre produzioni e riqualificare il territorio che potrà accogliere migliaia di tristi del vino”.
Un grande riconoscimento che arriva opportunamente nel momento di grande attenzione che il settore vitivinicolo vive come cardine dello sviluppo della politica agricola ed enogastronomica della provincia di Benevento. Con l’attività svolta in questi ultimi anni dal Consorzio di Tutela dei Vini Sannio Dop, la crescita delle aziende è un dato confortante per una provincia delle aree interne del mezzogiorno, indicando con i fatti ed il lavoro quali debbano essere le linee di sviluppo compatibili con l’ambiente, la storia e la cultura locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *